CRISTINA KRISTAL RIZZO

INVISIBLE PIECE

9 maggio 2018 20:30

Stazione Leopolda di Firenze | IT


INFO
BIGLIETTI
intero 12€
ridotto 10€
studenti 8€

PREVENDITA
nei punti vendita
Boxoffice Toscana


Contemplation piece, involving piece, dead piece
da La Morte del Cigno danzata da Anna Pavlova nel 1924

 

La morte del cigno può essere pop, si può reinterpretare, può essere contemporanea e fruibile a tutti? Che ruolo ha lo sguardo in quello che accade in scena?

Mentre il pubblico si confronta con la visione originale della Morte del cigno di Anna Pavlova, Cristina Kristal Rizzo, coreografa e interprete, è al centro della scena e, attraverso una traduzione simultanea dell’antica versione, attualizza un loop gestuale, un landscape espressivo infinito e precario in cui tutti i movimenti e le espressioni dei ‘corpi’ improvvisamente tradiscono la partitura iniziale per diventare ambigui e fuori controllo, come per evidenziare la fragilità dei diversi piani interpretativi, nell’azzardo e nel desiderio di spostare i confini del proprium espressivo.

Invisible piece è un’opera politica, che sposta lo sguardo, che spinge chi guarda a cambiare l’intesità e il punto di vista, a confrontarsi. Nella reinterpretazione viene rimandata una visione che si scontra e si incontra con altre due visioni: quella oggettiva di un video che passa le immagini e quella soggettiva che ciascuno vive nel guardare un pezzo che è in un altrove spaziale e temporale e nello stesso tempo resta davanti ai propri occhi.
Invisible piece diventa così una coreografia di allucinazione e profezia che nel suo intrecciare e ricostituire dal vivo la relazione primaria tra immagine assente e movimento presente raccoglie e amplifica il puro gesto coreografico coinvolgendo, in una sorta di gioco di doppi sfalsati, lo sguardo stesso del pubblico.

 

Cristina Kristal Rizzo, dancemaker, è attiva sulla scena della danza contemporanea italiana a partire dai primi anni 90. Basata a Firenze, si è formata a New York alla Martha Graham School of Contemporary Dance e ha frequentato gli studi di Merce Cunningham e Trisha Brown. Rientrata in Italia ha collaborato con diverse realtà artistiche tra cui il Teatro Valdoca, Roberto Castello, Stoa/Claudia Castellucci, Mk, Virgilio Sieni Danza, Santasangre. È tra i fondatori di Kinkaleri, compagnia con la quale ha collaborato attivamente attraversando la scena coreografica contemporanea internazionale e ricevendo numerosi riconoscimenti. Dal 2008 ha intrapreso un percorso autonomo di produzione coreografica indirizzando la propria ricerca verso una riflessione teorica dal forte impatto dinamico tesa a rigenerare l’atto di creazione stesso e ad aprire riflessioni sul tempo presente. Attualmente una delle principali realtà coreografiche italiane, è ospitata nei più importanti festival della nuova scena internazionale. Alla circuitazione degli spettacoli affianca una intensa attività di conferenze, laboratori e proposte sperimentali. In qualità di coreografa ospite ha creato coreografie per i principali enti lirici e le maggiori istituzioni teatrali italiane tra cui il Teatro Comunale di Firenze – Maggio Musicale Fiorentino, il Balletto di Toscana Junior, Aterballetto.

 

concept, coreografia e danza: Cristina Kristal Rizzo
consulente storico: Stefano Tomassini
suono e luce: Cristina Kristal Rizzo
film: Luca Mattei e Cristina Kristal Rizzo
produzione: CAB008
con il sostegno di Regione Toscana e Ministero per i Beni e le Attività Culturali Residenze Castello In Movimento, Teatro Studio di Scandicci/Compagnia Krypton, CANGO Cantieri Goldonetta, Teatro Cantiere Florida, I Macelli Certaldo

 

[foto: Laura Arlotti]

 

 

 

 

 

 

 

 

Comments are closed.