mum & gypsy

IL MIO TEMPO

5 marzo 2019 - 7 marzo 2019 21:00

Teatro Studio Mila Pieralli Scandicci | IT


INFO
Spettacolo in italiano e giapponese con sottotitoli

BIGLIETTI
intero 14€
ridotto 12€ *
ridotto 10€ **

* Over 60, Under 26, Soci UniCoop Firenze, Abbonati Teatro della Toscana ** Residenti Comune di Scandicci

PREVENDITA
su Ticketone.it


Il mio tempo è ambientato in un hotel di periferia dove ogni giorno si mescolano lingue diverse, dove ci sono persone che arrivano e partono, dove le storie degli ospiti e dei clienti si intrecciano.
Dove si trova questo hotel? In quale anno si svolge la storia? Non lo sappiamo.
Sappiamo soltanto che questo è l’hotel per tutti coloro che sono in cerca del “loro tempo”.

Dopo una prima fase di lavoro che ha dato vita a Il mio tempo – Different shape, prodotto dalla Fondazione Teatro della Toscana con il supporto della Fondazione Fabbrica Europa e presentato al Teatro Era di Pontedera nel 2015, Takahiro Fujita ha riunito quattro membri del cast più consolidato delle sue produzioni precedenti e i quattro attori italiani per sviluppare la creazione in due residenze presso il Sainokuni Saitama Art Theater di Tokyo, dove lo spettacolo ha debuttato nel 2017.

Come in altri suoi lavori il regista giapponese non è partito da un testo precostituito ma lo ha costruito giorno dopo giorno attraverso vere e proprie interviste agli attori, accompagnandoli a dettagliare e ricostruire ricordi d’infanzia, suggestioni ed esperienze. Questi ricordi sono stati poi elaborati e spogliati da riferimenti autobiografici, mixati e montati insieme fino a ottenere quello che lo spettatore vedrà nella performance.
Per i giovani attori italiani e giapponesi questo lavoro in più tappe ha rappresentato anche un’occasione per trovare nuove modalità di comunicazione in scena, superando limiti linguistici e differenze culturali.

 

mum & gypsy è una compagnia teatrale fondata nel 2007 da Takahiro Fujita, uno dei più brillanti e prolifici registi del teatro contemporaneo giapponese e della nuova generazione di registi e drammaturghi venuta alla ribalta dopo il 2000, influenzata dalle ricerche del maestro Oriza Hirata.
Partendo dalle teorie del maestro, Fujita ha maturato un suo personale stile drammaturgico basato su linee narrative che si sviluppano in parallelo attraverso un complesso intreccio di scene, ripetute come una sorta di refrain e presentate dalle prospettive dei diversi personaggi. Le scene sono mostrate al pubblico con una sequenza che ricorda un montaggio cinematografico, dove le linee temporali s’intrecciano, tra flashback e anticipazioni, mostrando i ricordi dei protagonisti e il loro universo interiore.

 

regia e testo: Takahiro Fujita
performer: Aya Ogiwara, Ayumi Narita, Satoshi Hasatani, Yuriko Kawasaki, Andrea Falcone, Giacomo Bogani, Sara Fallani, Camilla Bonacchi
foto di Tomofumi Hashimoto
Un progetto di Fondazione Fabbrica Europa e Fondazione Teatro della Toscana/Centro per la Sperimentazione e la Ricerca Teatrale
Con il supporto di Agency for Cultural Affairs Government of Japan in the fiscal year 2017, Arts Council Tokyo, The Saison Foundation
Un ringraziamento speciale ad Artex Centro per l’Artigianato Artistico e Tradizionale della Toscana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Comments are closed.