Christophe Chassol

in concerto

7 maggio 2016 22:30

Stazione Leopolda di Firenze | IT


INFO
Biglietti:
15€
Il biglietto comprende anche
Barber Mouse feat.
Samuel (Subsonica) in programma la stessa sera alle 23:30

Prevendita online su
Boxol.it
e nei punti vendita
Boxoffice



Pianista, compositore, arrangiatore e direttore musicale per artisti come Phoenix e Sébastien Tellier, Christophe Chassol è un talento carismatico difficilmente classificabile.
Nato a Parigi nel 1976, originario delle Antille, le sue composizioni sono veri e propri panorami di culture in cui immergersi, tra voci, musiche, suoni e immagini che lo stesso artista definisce “armonizzazioni della realtà”. Colonne sonore vive, che richiamano i lavori di Steve Reich e Hermeto Pascoal, e attivano interplay tra i suoni presenti nei filmati e le composizioni suonate dal vivo che da quei suoni prendono la linfa e le danno forma.
Sul palco Chassol è accompagnato da Mathieu Edouard alla batteria.

 

Figlio di un clarinettista amatoriale, Chassol viene iscritto a soli quattro anni al Conservatoire National de Musique di Parigi. Molto attratto dalla musica classica e dal jazz, alla fine delle superiori vira verso il punk (le batterie serrate presenti nei live ne sono una traccia). Ma è il jazz a rimanere la sua più grande ispirazione, soprattutto quando comincia a dar vita alle sue opere nel periodo post-adolescenziale. Si diploma al Berklee College of Music di Boston nel 2002, e inizia le tournée con Phoenix e Sébastien Tellier. Poco tempo dopo la sua carriera subisce una svolta per l’incontro con Bertrand Burgalat, patron della rinomata società di produzione Tricatel e definito da molti il Phil Spector francese.

 

nell’ambito de “La Francia in scena”, stagione artistica dell’

Institut français Italia

realizzata su iniziativa dell’Ambasciata di Francia in Italia, con il sostegno dell’Institut français e del Ministère de la Culture et de la Communication, della Fondazione Nuovi Mecenati, della Sacem Copie Privée, della Commissione europa (Europa Creativa) e del Ministero dell’Istruzione italiano dell’Università e della Ricerca – Afam (MIUR – Afam)

 

[foto: Flavien Prioreau]

Comments are closed.